Seleziona una pagina

Medicina Estetica e Soft Surgery

La Medicina Estetica è una disciplina Medica ampia e complessa, nella teoria è volta soprattutto al miglioramento estetico dell’aspetto delle persone e funzionale dell’organo più esteso del nostro corpo che è la pelle, nella pratica si occupa dell’individuo durante tutti i cambiamenti morfologici che avvengono nella vita e per farlo non può limitarsi alla sola cura della pelle.

E’ una disciplina di ampissima cultura medica perché si avvale di numerose possibilità terapeutiche che vanno dalla prescrizione di farmaci ed integratori alle sostanze iniettabili come i filler, la tossina botulinica e i biostimolanti, dall’utilizzo di apparecchiature che sfruttano la luce come i laser a quelle che utilizzano altre fonti di energia come la radiofrequenza, la carbossiterapia e gli utrasuoni.

E’ ampia e complessa perché il Medico Estetico, come tutti i medici, non può che conoscere a fondo prima di tutto l’essere umano e tutto ciò che usa, perché usa tante cose e perché è una disciplina in continuo e velocissimo aggiornamento.

E’ complessa anche perché in essa si fondono Scienza e Arte al pari della Chirugia Plastica Estetica: è impossibile praticarla senza passione, conoscenza e manualità, è impossibile trarne dei risultati gradevoli senza avere, intrinseco, il senso del bello, che con eleganza sta il più delle volte nelle proporzioni, Non può raggiungere lo stesso risultato senza conoscenza delle sottili e complicate regole biologiche che sottendono alla salute e alla bellezza delle persone. Insomma, nella Medicina Estetica si fondono senso estetico e profonda conoscenza dell’anatomia e della fisiologia, della chimica e della fisica.

Il compito del Medico Estetico è di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per mantenere in salute e di gradevole aspetto il suo paziente, discernendo tra quello che di efficace e sicuro viene inventato e immesso nel mercato da quello che è inutile e ancor peggio pericoloso per il paziente.

Elena Fasola